Italiano
n. 2

Tempo di percorrenza: ore 5,00
Percorso per escursionisti
Difficoltà: medio - facile

Il Percorso N.2., con segnaletica del CAI in bianco e rosso, segue la mulattiera che sale lungo il costone roccioso del “Cret” fino al paese di Lauco, offrendo suggestivi scorci su gran parte della vallata dell’Alto Tagliamento. Anche su questo percorso si può sostare presso la bellissima costruzione chiamata”la Maine”. Arrivati a Lauco e attraversato il paese su strada asfaltata, è fatto obbligo procedere su di un’altra magnifica mulattiera che, all’altezza dell’edificio della Colonia CRI , prosegue inoltrandosi nel bosco per il primo tratto e continuando poi attraverso pendii erbosi ricchi di varietà flogistiche. Si giunge quindi, dopo una piccola salita più sostenuta, alla località Plauchianis, dove si apre un vasto pianoro che vede al centro la casa Dionisio, bellissima costruzione ben conservata e che può dare l’idea di un “ranch nostrano”. A questo punto la mulattiera diventa sentiero e, costeggiando il pianoro di Plauchianis, sale attraversando un ampio tratto di faggeti secolari per arrivare al M.te Falchia (mt. 1.254 s.l.m.). La tappa è molto panoramica e, proseguendo in trasversale attraverso un bosco di faggi ed un ricco sottobosco si arriva alla località Tarlessa, dove lo scenario cambia nuovamente! Splendidi pianori prativi con molti stavoli ben ristrutturati ci offrono l’occasione di una sosta.
Il sentiero diventa uno sterrato ed attraversa tutto il pianoro di Tarlessa; proseguendo lungo una lieve discesa, il percorso s’incrocia con una stradina comunale asfaltata,continuando sulla sinistra dopo una discesa di una decina di minuti. La segnaletica del CAI ci indica sulla destra il breve sentiero in salita che ci porta al M.te Cerantonis (mt. 1.097 s.l.m.).Ci accoglie una cima prativa dove è collocata una grande croce in ferro alla cui base c’è l’indicazione del luogo e della quota. Da questa cima di facile accesso, gli appassionati di parapendio prendono il via per i loro voli. Per il passante è quasi d’obbligo la sosta al fine di poter ammirare in tutta tranquillità uno scenario quasi unico: sullo sfondo si può ammirare l’incontro del torrente Degano con il fiume Tagliamento, coronano l’ambiente le alte cime delle Alpi Carniche Centrali e le prime vette delle Dolomiti. Riprendendo il cammino in discesa, in una trentina di minuti si raggiunge Avaglio, una delle più grandi frazioni di Lauco, situata in una splendida e soleggiata posizione.Continuando ancora per un tratto su larga strada asfaltata, fino ai casolari “Da Pura“, l’itinerario prevede la ripresa del sentiero che, sempre in discesa, sulla destra ci riporta su una bellissima e storica mulattiera chiamata “Strade dal ciarvon”. Il cammino lungo la mulattiera che si incrocia a tratti con la strada asfaltata, attraversa boschi e prati ed è costellata ai margini da immagini sacre di antica fattura. Quest’ultimo tratto ci porta, nel giro di una quarantina di minuti, a Villa Santina dove l’escursionista ,forse stanco ma sicuramente soddisfatto, può pensare ad altre vie!

Torna
Albergo Diffuso Altopiano di Lauco
Via Capoluogo, 104
33029 LAUCO (UD)
Tel. +39.0433.750.585
Cell. +39.328.7942890
Powered by Xnotta - Realizzato da Bo.Di.